Wolfango Telis

feat. M.I.W.T.A. org.

Itinerario artistico

Wolfango “Telis” Intelisano (06/10/1942 – 15/12/2012)

Wolfango Telis dopo gli studi artistici a Siracusa, trascorre alcuni anni a Roma, poi a Milano e in Svizzera.Tornato a Siracusa nel 1969 ottiene la cattedra di progettazione artistica presso il locale Istituto d’Arte.Tra il ’64 e il ’75 conosce e frequenta numerosi artisti e letterati, tra cui Pasolini, Guttuso, Sciascia, F. Rosi, Trombadori, Trucchi, Cassinari, Cappello e Bufalino.

Nel ’78 è animatore della mostra “I fatti di Avola”. Negli anni ’80 collabora inoltre alla nascita della rivista d’arte “Tema Celeste” con M. Castello e D. Paparoni.Tra i maggiori riferimenti artistici della sua attività troviamo Vedova, Yves Klein, De Kooning e Bacon e a partire dagli anni ’80 la ricerca si orienta principalmente sul senso dell’origine, del vuoto, delle impronte e del segno.

Nell’85 è attivo nella galleria Artra di Milano.

Tra l’87 e il ’91 è attivo a Roma dove espone al “Ferro di Cavallo” una serie di lavori su carta-catrame e tele incerate a rilievo. Nell’87 realizza a Benevento, per la cura di Marisa Vescovo, un grande affresco dal tema “l’uomo, l’essere e la natura”. Nell’88 a Zagabria partecipa alle nuove ricerche dell’ultima generazione artistica italiana “Avamposti” a cura di Marisa Vescovo.

Dello stesso anno, a Montecchio Emilia, “Siderea”: l’artista oggi strumento decifratore di segni a cura di Marisa Vescovo.

Nel 1989 Brescia “ Fabbrica” nuovo linguaggio artistico a cura di Massimo Minini.

Partecipa inoltre alla fiera internazionale di Colonia con la galleria Massimo Minini di Brescia e realizza una lunga serie di mostre personali e collettive: Savona “l’Identità per l’Arte” arte europea dal dopoguerra ad oggi a cura di Marisa Vescovo.

Soggiorna nel 1990 ad Arles (Francia) dedicando a Van Gogh un ciclo di trenta lavori su carta trattata a zolfo e cera. Nel 1990 Studio G. Vigato “Per mare per segno” a cura di Michelangelo Castello. Nel ’91 è in Germania, a Monaco di Baviera, per realizzare altri lavori su carta presso la galleria Moderne Kunst. Nel ’94 e ’95 soggiorna in varie località del Sud America, dove il museo d’Arte contemporanea di Caracas gli commissiona una serie di lavori su carta, nonché una scultura pavimentale in ferro e marmo. E’ del 98 una mostra antologica a Palazzo dei Diamanti di Ferrara “I territori della metamorfosi” a cura di M. Vescovo.

Nel 99 realizza per l’università di Beaux art di Luxor, Egitto, una installazione e alla d’Ac di Ciampino realizza una mostra personale a cura di Tiziana d’Acchille e Lorenzo Canova.

Nel 2001 con V. Conte realizza una mostra su “La ferita e la sindone” come creatività mistica desiderio.

Nel 2002 è a Trondhjem – Norvegia – con un importante mostra personale.

Nel Gennaio 2003 Blu eventi, installazioni con titolo “Stanze”.

Nel 2004 “D’Io e d’Altro”, Siracusa e a Roma presso la chiesa di S. Giovanni dei Fiorentini installazioni nella cripta del Borromini.

Nel 2005 “Periplo-Blu” mare – oltremare – profondo, rassegna d’arte contemporanea – Siracusa a cura di Gennaro Colangelo.

Nel 2006 interviene sulla tematica di Beslan. Realizzando una importante mostra personale dal titolo “Beslan – oltre il silenzio”. Spazio arte contemporanea.

Nel 2008 è presso la galleria Rosert-Colonia

2009 Gallerie Mircher Parigi.

Ottobre 2010 Installazioni sceniche per il teatro contemporaneo – Roma-Siracusa.

2011 Opere su carta-Galerie Forever-Ginevra.

Sue opere si trovano in permanenza nello spazio espositivo della First Art Gallery di Siracusa, in collezioni pubbliche e private in Italia, Venezuela, Svizzera, Germania, Malta, Francia, Egitto, Norvegia, Museo D’arte Contemporanea di Caracas, Museo per l’arte contemporanea di Ferrara.

Si è spento all’età di 70 anni per un epatocarcinoma

Dal 2012 ha autorizzato il network MIWTA (Media Independent Wolfango Telis Art Organization) a gestire e promuovere la sua più recente produzione.

 

 

English Version

Wolfango Telis after studying art in Syracuse, he spent some years in Rome and then in Milan and Switzerland. He returned to Syracuse in 1969 and obtained the chair of artistic planning at the local art school. Between ’64 and ’75 he met and frequented many artists and writers, including Pasolini, Guttuso, Sciascia, F. Rosi, Trombadori, Trucchi, Cassinari, Cappello and Bufalino.

 

In ’78 he animates the exhibition “The facts of Avola”. In the ’80s he also works at the birth of the art magazine “Tema Celeste” with M. Castello and D. Paparoni.Tra major artistic references of its activities are Vedova, Yves Klein, De Kooning and Bacon and from the 80s, the research is mainly oriented on the meaning of the source, empty, fingerprint and sign.

 

In ’85 he is active in Artra gallery in Milan.

 

Between ’87 and ’91 is active in Rome, where he exhibited at the “Horseshoe” a series of works on paper-tar and tarpaulins in relief. In ’87 carries in Benevento, for the treatment of Marisa Bishop, a large fresco on the theme “the man, the being and nature.” ’88 In Zagreb participate in the new research the latest generation of Italian art “Outpost” by Marisa Vescovo.

 

In the same year, in Montecchio Emilia, “Siderea” the artist today means deciphering of signs by Marisa Vescovo.

 

In 1989 Brescia “Factory” new artistic language by Massimo Minini. Also participates in the international trade fair in Cologne with the gallery Massimo Minini of Brescia and manufactures a series of solo and group exhibitions: Savona “Identity for Art” European art since the war by Marisa Vescovo. Stay in 1990 in Arles (France) devoted to Van Gogh a cycle of thirty works on paper treated with sulfur and wax. In 1990, Studio G. Vigato “To sea for a sign” by Michelangelo Castello. In ’91 he was in Germany, in Monaco of Bavaria, to make other works on paper at the Galerie Moderne Kunst. In ’94 and ’95 staying in various locations in South America, where the Museum of Contemporary Art in Caracas commissioned a series of works on paper, as well as a sculpture in iron and marble floor. It ‘an exhibition of 98 at the Palazzo dei Diamanti in Ferrara “The territories of metamorphosis” by M. Vescovo.

 

In 99 carries for the University of Beaux Art in Luxor, Egypt, and an installation of Ac Ciampino makes a solo exhibition curated by Tiziana D’Acchille and Lorenzo Canova.

 

In 2001 V. Conte held an exhibition on “The wound and the shroud” creativity as mystical desire.

 

In 2002, in Trondhjem – Norway – with a major solo exhibition.

 

In January 2003 Blue events, installations titled “Rooms”.

 

In 2004, “All of Me and Other”, Syracuse and Rome in the church of S. Giovanni dei Fiorentini installations in the crypt of Borromini.

 

In 2005 “Circumnavigation-Blue” sea – ultramarine – deep, contemporary art exhibition – Syracuse by Gennaro Colangelo.

 

In 2006, working on the theme of Beslan. Making an important personal exhibition entitled “Beslan – more than silence.” Contemporary art space.

 

In 2008, at the gallery Rosert-Cologne

 

2009 Galleries Mircher Paris.

 

October 2010 Installation stage for contemporary theater – Rome-Syracuse.

2011 Works on Paper Galerie-Forever-Geneva.

His works are in the permanent exhibition of the First Art Gallery of Syracuse, in public and private collections in Italy, Venezuela, Switzerland, Germany, Malta, France, Egypt, Norway, Contemporary Art Museum of Caracas, to the Museum ‘ Contemporary Art in Ferrara.

He passed away at the age of 70 years for hepatocellular carcinoma

From 2012 he authorized the network MIWTA (Media Independent Wolfango Telis Art Organization) to manage and promote his latest production